Strade blu

g_nol_auto_islanda_BIGNelle cartine stradali degli Stati Uniti le “strade blu” sono quelle secondarie. Piccole vie di comunicazione, che congiungono paesi e cittadine molto spesso sconosciute.
Molti anni fa comprai un libro per corrispondenza. Uno dei mille. Un autore sconosciuto, ma una di quelle recensioni di cinque righe che tocca subito i nervi giusti. Il libro si chiamava (si chiama ancora) Strade Blu. L’autore, un moderno pellerossa in blue jeans di nome William Least Heat-Moon. L’argomento, il suo viaggio di tre mesi nel cuore degli States percorrendo solo le strade secondarie di una Nazione solcata da autostrade ad 8 corsie che ti portano senza problemi da Est ad Ovest e da Nord a Sud. Un viaggio senza città, senza catene di fast food o motel, senza luci e senza gente abituata ad incontrare gente che viaggia. Quel libro mi colpì tanto.

Da allora, quando posso – purtroppo quasi mai – cerco le “strade blu” e le percorro lentamente. Quel lento che ti permette di girare un po’ la testa e acquisire quello che di un viaggio non cogli mai: che cosa c’è tra la partenza e l’arrivo.
L’ho fatto quest’estate, quando da Anagni ad Avezzano ho tagliato dritto. Un viaggio per larghi tratti in mezzo a quello che impropriamente chiamiamo nulla, ma che in realtà è più denso di una circonvallazione metropolitana. L’ho fatto oggi, quando da Montalcino ho tagliato dritto per le strade blu, fino al lago Trasimeno.

Lungo le strade blu anche un caffè può essere un viaggio a sé. Un colloquio con la gente incontrata nei bar non è mica come negli autogrill. C’è la vita nel labirinto delle strade secondarie. La vita quella vera. È negli sguardi che incrociano il tuo appena entri, appena suona il campanello della porta, perché nelle strade blu non passi da casello a casello. Passi da uomo a uomo.
Quando vi capitano giornate come questa, in cui un’ora o due in più di strada non vi uccidono, fatelo. Imboccate le strade blu e incontrate la vita. Non a caso, nelle rappresentazioni della circolazione sanguigna, il blu è il colore che rappresenta le vene. Che vanno diritte verso il cuore.

Ah, se vi capitasse di provarci, fatevi accompagnare dagli Eagles. Per una volta, però, non Life In The Fast Lane, ma Peaceful Easy Feeling.

strade-blu-libro-1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...