Musica, poesia e calcio

p554639-620x350Appena visto Federico Buffa, su Sky, raccontare i Mondiali del 1950 in Brasile. Il primo di una serie di monologhi dedicati ai mondiali di calcio. Un concentrato di storia, letteratura, avventura, emozioni. Praticamente colleghi il cervello nel momento della sigla e lo scolleghi ai titoli di coda.

Questo è il giornalismo che mi piace. Ipnotizzante e puro. Quello che ti fa appassionare di un argomento che fino a ieri non credevi neanche esistesse. Lo consiglio a chi odia il calcio, a chi pensa che sia solo questione di soldi, di “ventidue deficienti che tirano calci”, che penso sia l’espressione più banale e deficiente per liquidare uno sport.

Ascoltate un grande giornalista come lo racconta, il calcio. Scoprirete risvolti storici, anche letterari, storie da pelle d’oca, drammi e gioie. Storie tutte tassativamente reali.
Come quella di Ary Barroso, radiocronista, ma anche musicista brasiliano – compositore fra l’altro di Aquarela do Brasil (Brazil) – che ad ogni gol del Brasile, invece di urlare “gooool”, suonava l’armonica al microfono! Ary Barroso è l’esatta fotografia dei brasiliani e della loro considerazione del calcio: musica e poesia che regalano emozioni.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...