Farrokh Bulsara

fmercury_book2Pausa pranzo con sguardo, non tanto distratto, alla tv che manda un documentario su Farrokh Bulsara.
Premesso che la musica andrebbe ascoltata e non giudicata, tutte le volte che si parla di carisma, presenza scenica, eleganza e fascino per i vincitori dei vari Sanremi (plurale), XFactors, Amici e compagnia bella, bisognerebbe parametrizzarsi con questo tizio di Zanzibar il cui credo era “se devi fare una cosa, falla con stile”. E già questo lo solleva tre metri sopra il cielo.

Gay, il cui più grande amore fu una donna. Gay a volte checca, a volte il contrario. Gay che non ha avuto mai bisogno di una protesta a suon di cartoncini bristol in stile Love Actually. Quello che voleva lo otteneva da solo. Con o senza leggi, da “maschio” rivoluzionario vero.

Farrokh Bulsara è uno dei pochissimi esseri umani impossibili da clonare. E penso lo sarà per i prossimi quattro milioni di anni.
Chi era Farrokh Bulsara? Uno che ad un certo punto decise di chiamarsi Freddy Mercury. L’unica cosa che suonava male era il suo nome.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...