Angelo Barberini, la passione e l’orgoglio

articolo pubblicato sul periodico Made in Gualdo n. 2 – dicembre 2012

barberini_gualdo_arezzo 1999_2000Le immagini sono sempre quelle. Tu dietro i cartelloni pubblicitari, appoggiato all’ambulanza o dentro la macchina parcheggiata a bordocampo. Tu che avanzavi fino alla linea di fondo per incitare i tuoi attaccanti. O i tuoi difensori, perché non è che ti spostavi dopo l’intervallo. Rimanevi lì. Sempre lì.
Le immagini sono anche quelle della sala stampa. Quando dopo una vittoria sembravi volare. Quando dopo una sconfitta onoravi i vincitori. Quando dopo un’ingiustizia minacciavi quel gesto che mai avresti fatto. “Sto pensando seriamente di abbandonare il calcio. Non fa per me” – dicevi. Non eravamo mica preoccupati. Del resto ricordavamo sempre Fano, dieci minuti dopo la sconfitta nello spareggio dell’Imola. Fuori lo spogliatoio: “Basta, smetto”. Una volta aperta la porta e visto le lacrime dei tuoi giocatori, li hai fatti sobbalzare con un “Forzaaaaaa, che il prossimo anno saremo più forti di adesso”. Stessa cosa dopo la sconfitta di Pescara, che hai sempre giudicato con sospetto di furto. Non era il calcio che non faceva per te, Pres. Eri tu che non facevi per quel calcio.

Sempre e solo un timido buongiorno di sfuggita dietro quei cartelloni. Sapevo che per te la partita era un rito e non volevo guastarlo con scontate conversazioni. Io fotoreporter, tu Presidente-tifoso-appassionato, che aveva fatto e continuava a fare grande la sua Città. Era anche una naturale soggezione verso la tua persona che mi impediva di affrontare qualcos’altro di diverso da un educato saluto. Del resto, di fianco avevo un mito. Passionale e Ambizioso. Così ti definisti in una bellissima intervista. Passione cieca, sfrenata, istintiva. Ambizione vincente, per diventare grande e per scrivere una pagina di storia della tua Città. L’hai fatto con episodi che ti iscrivono d’ufficio nell’albo dei Grandi. Come quella volta che rifiutasti l’offerta della Fiorentina di giocare la partita del Luzi a Firenze, invertendo il campo. Le centinaia di migliaia di euro dell’incasso sarebbero andati nelle tasche della società, ma la dignità del Gualdo e dei gualdesi sarebbe andata a finire nella scatola con l’etichetta “Squadre e Città normali”. Hai sempre pensato che questa Città meritasse il meglio (e quella domenica voleva dire Di Livio nel nostro stadio) e che la dignità non era in vendita. La perdemmo quella partita, ma al ritorno rendemmo il “favore” andando a vincere a Firenze. Tu non c’eri, te n’eri appena andato, ma il tifo che hai fatto… solo noi lo sappiamo! Ho passato tanti altri anni a bordocampo, dietro quei cartelloni pubblicitari. Ogni volta sembrava di sentirti. Ancora adesso, se voi che leggete andate lì durante una partita ed isolate nella mente i cori dei tifosi, potrete ascoltare il tuo vocione urlare “Forzaaaaaa” o “Daje Zoran” da dietro la porta.

Sono dieci anni che ormai vedi le partite da un posto ancora più privilegiato del bordocampo e sono sicuro che a te non basta vedere quelle maglie solcare ancora quel campo di calcio. Tu vuoi vincere sempre e tornare a vedere il tuo Gualdo in alto. Non avevi certamente paura di  contraddire Le Coubertin. “Ah io voglio vincere, anche se gioco male” questo dicesti in un’altra storica intervista.
Un’ultima immagine: il giorno dei tuo funerale, quando alla tua bara hanno fatto fare uno struggente giro di campo di quello stadio che tanto hai amato, ma che hai frequentato solo in un settore: il tuo, quello dietro i cartelloni pubblicitari della porta a nord. Quel giro di campo fu il gesto più bello, più dolce e più significativo che quel giorno i tuoi cari potessero regalare. A te, ma anche a noi. Ciao Pres, cuore biancorosso. E grazie.

© Marco Gubbini 2012

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...