We miss you

ORIANA 004Ti caricava con articoli rivoluzionari. Ti scandalizzava, con domande brutali gettate in faccia ai potenti del mondo come fossero amici da prendere in giro. “Visti da vicino i potenti sono ridicoli – diceva – hanno più paura di coloro ai quali incutono o vogliono incuter paura”.

Non aveva timore di nulla Oriana.
E come scriveva Oriana! Ci sono cose che mentre le leggi ti sembra di scivolare delicatamente su una pista di sci. I suoi scritti erano discese libere, a volte slalom, e andavi giù che era una meraviglia. E come tutte le più belle sciate, finivano sempre troppo presto.

E che coraggio aveva Oriana! Condivisibile o no, “La Rabbia e l’Orgoglio” – oltre ad essere un capolavoro di forma, un valzer perfetto di soggetti, verbi, aggettivi, virgole, puntievirgola – è un concentrato di temerarietà e audacia. Uno slalom gigante. Ci volevano le palle per scrivere quell’articolo (tale è, non un libro) in QUEI giorni. Lei è stata la voce di tanti paurosi che pensavano le stesse cose, ma non avevano il coraggio di scriverle. Senza le palle non puoi essere un giornalista; se non ce le hai puoi scrivere storielle di cronaca, che non è fare il giornalista.

Oriana poi ti sbalordiva, perché era capace di scrivere uno dei più bei romanzi d’amore. Perché rimani sempre frastornato quando un combattente della penna scrive questo: “Ti amavo, perdio. Ti amavo al punto di non poter sopportare l’idea di ferirti pur essendo ferita, di tradirti pur essendo tradita, e amandoti amavo i tuoi difetti, le tue colpe, i tuoi errori, le tue bugie, le tue bruttezze, le tue miserie, le tue volgarità, le tue contraddizioni, il tuo corpo con le spalle troppo tonde, le sue braccia troppo corte, le sue mani troppo tozze, le sue unghie strappate”.

Ovviamente solo il cancro è riuscito a sopraffarla, ma il cancro è un nemico vigliacco. E contro i vigliacchi, contro coloro che si nascondono, puoi quasi nulla.

We miss you, Oriana

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...