La doppietta di Re Juan

Dopo aver vinto due derby consecutivi con Gubbio e Foligno con due doppiette di Juan Martin Turchi, il Gualdo si prepara alla trasferta di Carrara. Questo è l’editoriale che scrivo per Bordocampo (TV23) il 21 febbraio 2006
—————————————————————————

(brano: Angel – Sarah McLachlan) immagini rallentate

Un cacciatore attento, silenzioso, pronto a colpire al momento giusto. Re Juan ha molto rispetto per le sue prede, ma che siano lupi famelici pronti a sbranarlo o falchetti che svolazzano fastidiosi sopra la sua testa, lui non ha timori. Sa che può contare su un’arma infallibile: la sua fedele doppietta. Al momento decisivo carica, arma e preme il grilletto senza pietà. Due colpi. Decisivi. Mortali. La preda si deve arrendere. E’ lì ai suoi piedi e alla fine della battuta di caccia, Juan è fiero di mostrarne la testa al suo popolo. Tanto per far capire chi è il Re di Gualdo.

Re Juan è anche un cacciatore di sogni. Sa che il suo popolo ne ha estremamente bisogno e lui ha deciso di tentare la cattura della preda più ambita. E il popolo biancorosso, a distanza di due anni, ricomincia a sognare.

(brano: Sweet Dreams – Eurythmics)

E’ riduttivo però parlare di Re Juan. Ci sono anche gli altri compagni di caccia. De Juliis, Priolo, Varchetta, Santini, Adani, Cardona, Morelli, Iannuzzi, il canadese volante e il Perugino con la P maiuscola, senza dimenticare i ragazzi partiti dalla panchina e quelli infortunati e squalificati che erano in tribuna. Tutti hanno contribuito in egual misura alla cattura del lupo eugubino e del falco folignate e a loro va il nostro grazie, perché nei derby, oltre alla mera soddisfazione della conquista dei tre punti, c’è in mezzo anche un pizzico di campanile da difendere. Quel campanile che era stato demolito dagli avversari nelle due partite di andata e che ora svetta imponente dominando l’intera Regione.

Sognare da oggi diventa quindi più lecito, anche se la battaglia da vincere deve restare quella della conquista dei quaranta punti, e domenica torneremo a degustare antichi sapori: il Gualdo torna ad affrontare uno scontro diretto in chiave play-off dopo due anni. E’ dalla stagione 2003/2004 che i biancorossi non si trovano coinvolti nella lotta per le zone nobili della classifica. Da allora ad oggi, passando per il mediocre campionato dello scorso anno, gli scontri diretti hanno avuto sempre come desolante posta in palio la fuga dai play-out.

Speriamo che la squadra sia matura per questo importante passo e che la sbornia post Foligno non riaffiori tra i marmi di Carrara come successo a Santa Croce dopo il derby col Gubbio. Per la Carrarese sarà una ghiotta occasione per riproporsi in classifica dopo il passo falso col Gubbio ed affronterà i biancorossi con il coltello tra i denti.

E’ noto però, che un coltello, per quanto affilato, può fare ben poco contro una doppietta ben carica….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...