“Libera, ma libera veramente”. Vi racconto la mia radio.

Scrivere un libro è stata un’esperienza incredibile. Scriverlo su una delle passioni della vita e sul mio primo lavoro da ventenne è stata anche un’esperienza magica. Non nostalgica, perché puoi anche non fare più radio, ma dalla radio non esci mai. Ok, di cose negli anni ne ho scritte tantissime, ma questa è stata la prima volta in cui non ho dovuto combattere con gli spazi limitati di un giornale, con la tirannia del tempo e con le battute contate. Ed è stata veramente libertà allo stato puro. Di spazio. Di tempo. Di tutto. La stessa libertà che io spero … Continua a leggere “Libera, ma libera veramente”. Vi racconto la mia radio.

Profumo di storia

Quello che segue è uno dei due racconti – l’altro è di Edoardo Ridolfi – che ha vinto il primo premio del concorso “Turismo Slow” del Comitato Regionale per la Comunicazione della Regione Umbria. Lo scritto è stato poi modificato insieme a Radio Tadino per adattarlo ad un podcast di tre minuti, che potete ascoltare nella pagina internet della radio cliccando qui.  — La Nissan percorreva i saliscendi della strada di campagna. Roma era ormai da due ore dietro le sue spalle e da qui tutto sembrava lontanissimo e rarefatto. Le case, il traffico, il vociare dei turisti. Da qualche … Continua a leggere Profumo di storia

Il signore delle cime

Gli odori delle officine sono inconfondibili. Olio, benzina, elementi base per far funzionare un’auto. Ma quando incontriamo Gian Marco Giacometti in via Flaminia, nel suo regno, c’è un odore che non si sente col naso, si sente col cuore: quello della passione. Non è solo un lavoro quello di Gian Marco. Vederlo muoversi tra i suoi “pazienti” con quel modo di fare sempre ottimista e sorridente ti fa realizzare che qualcuno che fa della propria passione il proprio lavoro esiste veramente. Scuola media e poi l’officina. Il giovane Giacometti inizia subito a lavorare tra carburatori e frizioni. Inizia come dipendente … Continua a leggere Il signore delle cime